In offerta!

La classe dei banchi vuoti

15.00 13.00

TORNA AL NEGOZIO

A chi appartengono quei banchi?
Ogni capitolo del libro racconta, tra parole e immagini, storie di vite spezzate dalle mafie. Nove storie a rappresentare quelle di troppe altre giovani vittime. Vicende da affidare alla memoria di tutti, anche attraverso l’impegno di chi quotidianamente combatte l’indifferenza e l’illegalità. Così, la speranza di costruire un domani più giusto, pulito e sicuro per ogni bambino, riporta su quei banchi vuoti i ragazzi e le ragazze che quel domani non lo potranno più vivere.

14 disponibili

Descrizione

«Accompagnare i bambini ad aprire gli occhi sul mondo, metterli a conoscenza, con la dovuta delicatezza, anche dei suoi aspetti più brutti e dolorosi, vuol dire non solo prepararli alla vita, ma porre le basi di una società di persone consapevoli e responsabili. Le mafie sono anche risultato di un grande vuoto di responsabilità, di un vuoto di amore per il bene comune» (dalla postfazione di Luigi Ciotti).

I nove “banchi vuoti” in sintesi:

Domenico Gabriele, per tutti Dodò, di Crotone, colpito durante una partita di pallone dal proiettile destinato a un affiliato alla ‘ndrangheta locale. Aveva 11 anni, ed è morto all’ospedale di Catanzaro dopo 3 mesi di coma. (2009)

Simonetta Lamberti, di Cava de’ Tirreni in provincia di Napoli, figlia del magistrato Alfonso Lamberti, è morta mentre viaggiava in auto col padre, vero obiettivo dei sicari, che è invece sopravvissuto all’attentato. Aveva 11 anni. (1982)

Annalisa Durante, di Napoli, colpita in strada nel quartiere Forcella durante l’agguato a un esponente della camorra, per un regolamento di conti fra i clan. Aveva 14 anni. (2004)

Giuseppe Letizia, ucciso presso l’ospedale di Corleone su mandato del direttore e capomafia locale, per essere stato testimone involontario dell’omicidio del sindacalista Placido Rizzotto. Aveva 12 anni. (1948)

Nadia e Caterina Nencioni, di Firenze, morte nella strage mafiosa di via dei Georgofili insieme ai genitori. Avevano rispettivamente 9 anni e 50 giorni. (1993)

Benedetto Zuccaro, di Catania, rapito e ucciso insieme a tre amici poco più grandi, come punizione per aver scippato senza saperlo la madre di un boss mafioso locale. Aveva 13 anni. (1976)

Giuseppe e Salvatore Asta, di Erice in provincia di Trapani, morti per l’esplosione di una bomba insieme alla madre che li accompagnava a scuola. La loro auto si è trovata per caso a fianco di quella del magistrato Carlo Palermo, vero obiettivo della stragee invece sopravvissuto. Avevano 6 anni. (1985)

Editore: Edizioni Gruppo Abele
Collana: I Bulbi dei piccoli
Illustratore: Possentini,Sonia Maria Luce
Copertina: Cartonato olandese
Dimensione: 17x24cm
Lingua: Italiano
ISBN – EAN: 9788865791165
Data di pubblicazione: 2016
Prima edizione: 2016

ALTRI PRODOTTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI